Spada Celtica

Raggruppiamo sotto questo termine armi dalle fogge e dimensioni più varie, attribuite a diverse popolazioni celtiche nel corso dei secoli. Tranne nel caso della Falcata (vedi sotto), parliamo generalmente di spade a doppio filo, con punta acuminata ma guardia estremamente ridotta. Partendo dalle versioni più antiche in bronzo, con l’utilizzo del ferro la lama si allunga e tende ad avvicinarsi sempre più alle spade del periodo migratorio.

Spada Celtica Scozia

Mentre l’elsa poteva assumere una varietà di fogge particolari (da quella antropomorfa, alla forma ad antenne, fino ad else ad X o più semplici), la lama ha spesso una peculiare sagomatura a foglia, soprattutto nei modelli più antichi in bronzo. Forma che ricorre anche nello Xiphos greco, è possibile che servisse ad ottenere un’arma usata per colpi di taglio potenti, concentrando massa e peso nel punto della lama interessato dall’impatto col bersaglio.

Molto diverso è il tipo della Falcata, che pure può considerarsi una spada dei celti, diffusa soprattutto nella penisola iberica. Si tratta di un’arma corta a filo singolo, la cui lama ricurva era affilata sul lato concavo, in maniera simile allo Yatagan mediorientale e al Makhaira greco, che con essa potrebbero avere legami di parentela. L’utilizzo primario della Falcata doveva essere quello a bordo di un carro da guerra o a dorso di cavallo, come testimoniano anche una serie di else dalla forma di testa equina.

falcata iberica falcione spada celtica
Replica di una Falcata iberica.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close